Home / Violenza di genere / 25 novembre: le 10 forme di violenza sulla donna quando lavora come commessa
violenza donna commessa

25 novembre: le 10 forme di violenza sulla donna quando lavora come commessa

La violenza sulla donna la troviamo nelle notizie di cronaca soltanto quando raggiunge il suo apice. Quando c’è uno stupro o un femminicidio. Ma la violenza sulla donna si consuma ogni giorno, spesso sui luoghi di lavoro e molto spesso nel commercio. Perché le donne del commercio sono circa l’80% e quasi sempre ricoprono ruoli di subordine.

E allora oggi, giornata mondiale contro la violenza sulle donne vorrei ricordare, ché:

  • non poter badare al proprio figlio nei giorni di festa è una violenza,
  • non mandare in bagno una commessa per l’intero turno di lavoro è una violenza,
  • farla pisciare in un secchio in magazzino è una violenza,
  • discriminarla negandole l’assunzione se dichiara di volere una futura famiglia è una violenza,
  • costringerla alle dimissioni dopo il parto è una violenza,
  • subordinare la sua promozione a favori sessuali è una violenza,
  • umiliarla davanti ai clienti e ai colleghi è una violenza,
  • costringerla a lavorare gratis oltre il turno di lavoro è una violenza,
  • farle firmare le dimissioni in bianco è una violenza,
  • farla lavorare in nero è una violenza.

Mi fermo qui, ma potrei continuare per altri mille e mille caratteri. Non basta denunciare, non basta. La risposta più efficace a queste violenze è quella della difesa collettiva, della difesa da “branco civile”: evita quel difficile ed incerto percorso legale, è più rapida e soprattutto ci rende migliori. Ci rende tutti migliori!

Con l’augurio che questo 25 novembre duri tutto l’anno.

About Francesco Iacovone

Mi occupo di tutela collettiva dei diritti dei lavoratori. A me piace definirmi un lavoratore prestato al sindacato, anche se formalmente faccio parte dell’Esecutivo Nazionale Cobas [Read more]

Leggi anche

Commessa incinta e “in nero” si sente male, ma non può andare a casa

Stamane mi sono imbattuto su questo post, pubblicato su uno dei tanti gruppi Facebook  su …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.