coop orbetello petto nudo

“A petto nudo qui non entra”: bloccata alla Coop di Orbetello

“Non può entrare qui a petto nudo”. La guardia giurata all’ingresso della Coop di Orbetello (Grosseto), addetta alla misurazione della temperatura per le misure anti-Covid, ha fermato una giovane donna perché in tenuta da fitness. L’addetta alla sorveglianza ha ritenuto “indecente” il top bordeaux che lasciava scoperti l’addome e le braccia della donna.

“Nel 2021 bisogna ancora trovare modi per far sentire inadeguate le donne” scrive sui social Diletta Pelucco. Trent’anni di Orbetello, una laurea in psicologia, insegnante di equitazione e un trascorso nell’Esercito italiano, ha la fisicità di una sportiva. Lunedì, vestita da ginnastica, è andata al supermercato insieme a sua madre, Silva Gentilini, scrittrice, per fare una spesa “d’emergenza” per la nonna novantenne. Poi le è stato chiesto di coprirsi. “Devo davvero dare giustificazione alla Coop per come mi vesto?” ha chiesto la donna sui social. Ne è nato uno scontro tra chi ritiene il suo abbigliamento inadeguato al contesto e chi invece difende la libertà delle donne di vestirsi come vogliono.

“Quando la guardia giurata le chiesto di coprirsi sono allibita- dice sua madre-. Alla mia età cerco di non arrabbiarmi e ho lasciato correre. Diletta si è ‘coperta’ ed è entrata a far la spesa per sua nonna, che era la priorità assoluta in quel momento, ma i clienti presenti le hanno dato ragione”.

Il direttore del punto vendita di Orbetello, venuto a sapere dell’accaduto, il giorno successivo ha chiesto scusa a Diletta a nome dell’azienda e ha sottolineato che le uniche restrizioni riguardano i costumi nella stagione estiva.

“Condanniamo questo incredibile accadimento -dichiara Francesco Iacovone, del Cobas nazionale -. Diletta era vestita con dei pantaloni sportivi e lunghi e un top da palestra e non era certo ‘a petto nudo’. Abbiamo avuto nel pomeriggio un incontro con Unicoop Tirreno a Grosseto, che si era già scusata con Diletta. Le scuse devono essere per tutte le donne, umiliate da un comportamento incomprensibile e sessista. Unicoop Tirreno ci ha assicurato di aver chiesto all’agenzia in appalto per la vigilanza di aprire un’investigazione interna per capire l’accaduto”.

Diletta e Silva sono due cittadine attive a Orbetello. “Una donna integra e integrata con la realtà non può essere un fallimento per la società. Bisogna avere una profonda comprensione di tutto il mondo femminile e non vogliamo che la guardia giurata paghi le conseguenze di questo sistema che vede le donne in fondo a un imbuto nel quale ci siamo relegate noi stesse- commenta Silva Gentilini-. Resta il fatto che è lo sguardo diverso sul corpo femminile che lo rende sessualizzato. Ho realizzato che una donna, anche se in tenuta ginnica, per qualcuno può far scandalo”. 

About Francesco Iacovone

About Francesco Iacovone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.