suicidio commessa commercio

Ancora un suicidio di una commessa

E’ successo ancora. Ancora un suicidio di una commessa. Ancora la morte che lascia a chi resta i dubbi sul perché di un gesto così estremo. Ma qualche indizio mi porta a pensare che il lavoro nel commercio possa essere una delle cause. Lo hanno lasciato scritto alcuni lavoratori prima di farla finita, lo hanno denunciato alcune famiglie.

A tutti, prima di lasciarvi al post di una commessa che mi ha sconvolto, voglio dire di scegliere di lottare, di cambiare le cose, di cercare l’aiuto dei colleghi e di non cadere nella solitudine e nella depressione. Perché il lavoro non può e non deve essere morte, ma deve tornare ad essere sinonimo di vita dignitosa.

DAL WEB

Anch’io lavoro nel commercio, proprio come quella commessa che si è uccisa. E posso comprendere quel gesto, l’estrema strada del non ritorno. Perché anche io ci ho pensato spesso. Anche io sto male. E ai problemi che tutti noi incontriamo nella vita privata, devo aggiungere vessazioni e ritorsioni di ogni genere al lavoro.


Non bastano quelle dei capi, ci sono i colleghi: quelli che vogliono crescere, quelli che si sentono importanti per avere in mano un mazzo di chiavi. I colleghi che lavorano fuori timbrata per mantenere i budget orari imposti dall’alto. I colleghi che per anni rincorrono in merdoso livello.
I colleghi che ti colpiscono con frecciatine, battutine del cazzo e anche peggio. Perché il problema sei tu.

  • Tu che non ti pieghi all’arroganza dei capi.
  • Tu che non ti fermi dopo la timbrata.
  • Tu che non sai dove parcheggiare un figlio.
  • Tu che non sei abbastanza rapido a rifornire perché la schiena te la sei già rotta.


E tu alla fine ci credi davvero di essere il problema. Ma lo stipendio ti serve.Ti serve per pagare l’affitto, la rata della macchina, il dentista, la spesa. I soldi poi non bastano mai. E a te servono i soldi per pagare le spese che continuano ad accumularsi.

Poi leggo che qualcuno scrive che dobbiamo ringraziare Dio di avere almeno un lavoro. Un lavoro che mi ha distrutto fisicamente e psicologicamente.

Io ho capito perché la collega si è ammazzata.
Scusate lo sfogo.

Una collega della commessa che si è uccisa

About Francesco Iacovone

About Francesco Iacovone

2 Comm.

  1. Purtroppo siamo allo schiavismo…nell’indifferenza di tutti

  2. Sono anch’io un ex cassiere repartista, 4 anni di soprusi, dovevo sopportare, i colleghi a volte ti venivano contro, purtroppo nessuno può aiutare un fenomeno così radicato, non si può lottare con un sistema fatto d’interesse economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.