Home / Violenza di genere / Commessa incinta: una vergognosa corsa a ostacoli
commessa incinta ispettorato

Commessa incinta: una vergognosa corsa a ostacoli

Ciao ragazze, sono Arianna e faccio la commessa. Volevo condividere con voi quello che mi sta accadendo in ambito lavorativo e che si sta ripercuotendo anche nella mia vita giornaliera…

Scopro di essere incinta e dopo le beta lo comunico allo staff, essendo la responsabile del punto vendita, aspetto poi di poter vedere il mio titolare per potergli parlare di persona.

Questa cosa non accade e sono obbligata a chiamarlo telefonicamente… dopo un giorno si presenta al negozio e mi mette in ferie una settimana per fare tutti i giri per la maternità…

Così inizio ad essere sballottata da una parte ad un’altra peggio della pallina da Pingpong.

1️⃣ Ispettorato del lavoro: mi dicono (l’opposto di quello che mi hanno detto al telefono), non posso presentare la domanda di maternità anticipata, ma deve essere il datore di lavoro e deve allegare un documento che attesta che non posso avere altre mansioni oltre a quelle che faccio.

➡ INIZIANO I PROBLEMI ⬅

Chiamo il datore di lavoro e si rifiuta categoricamente dicendomi che anche un’altra ragazza ci aveva provato ma poi si è fatta fare dal suo ginecologo il certificato di gravidanza a rischio.

2️⃣ Vado all’INPS mi dicono le stesse cose che non avendo gravidanza a rischio è il datore di lavoro che deve aprire L istanza

3️⃣ Stessa cosa mi dicono Sindacati, Patronato e chi più ne ha ne metta

Riferisco tutto al datore di lavoro e lui mi dice di cambiare ginecologo, il quale è troppo pignolo

Mi metto in malattia per dolori basso ventre e continue scariche 😰 due settimane successive alla settimana di ferie anche perché il dottore di casa non se la sente di mandarmi a lavoro in quelle condizioni sapendo che devo fare 90 km sotto il sole.

👉Al mio rientro mi ritrovo lo staff contro, dicendomi che loro non credono alla mia malattia,
👉Declassata di ruolo (non sono più la responsabile, ovviamente non era sul contratto).
👉E per finire come ciliegina sulla torta mi hanno abbassato le ore a 4 da 6 con limitazioni, che non posso entrare in vetrina, salire scale in magazzino, spostare colli, fare magazzino, lavare per terra e per finire mi hanno comprato uno sgabello…

Situazione Attuale: sono super nervosa, mi faccio venire delle coliche per il nervoso, sono isterica e piango, non sopporto più il caldo né in macchina, né nel traffico che mi faccio in media per 1,5/3 ore in base alla giornata
Non sto vivendo bene la gravidanza come ogni neo mamma dovrebbe vivere.

Voi come vi comportereste?

Segui Not 4 $al€ su Facebook

About Francesco Iacovone

Mi occupo di tutela collettiva dei diritti dei lavoratori. A me piace definirmi un lavoratore prestato al sindacato, anche se formalmente faccio parte dell’Esecutivo Nazionale Cobas [Read more]

Leggi anche

cassiera pipì donna

La cassiera si è fatta la pipì sotto… davvero!

Ebbene sì, sembrerebbe che stavolta la cassiera si sia fatta la pipì nelle mutande. Siamo nella …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.