centri commerciali negozi

Dal 18 maggio riaprono negozi e centri commerciali: ecco le linee guida

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nella notte il decreto legge che consentirà ulteriori riaperture a partire da lunedì 18 maggio. E c’è poco da stare allegri: nelle linee guida, ad esempio, la misurazione della temperatura potrà essere rilevata all’ingresso. Nessun obbligo ma una scelta che molti non faranno “per non disturbare la gentile clientela”.

Poche e banali indicazioni che non mettono affatto al riparo i lavoratori da assembramenti e rischio di contagio, ma vediamole assieme:

COMMERCIO AL DETTAGLIO

Le presenti indicazioni si applicano al settore del commercio al dettaglio.

▪ Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione.

▪ In particolar modo per supermercati e centri commerciali, potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.

▪ Prevedere regole di accesso, in base alle caratteristiche dei singoli esercizi, in modo da evitare assembramenti e assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.

▪ Garantire un’ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per l’igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche, promuovendone l’utilizzo frequente da parte dei clienti e degli operatori.

▪ In caso di vendita di abbigliamento: dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente per scegliere in autonomia, toccandola, la merce.

▪ I clienti devono sempre indossare la mascherina, così come i lavoratori in tutte le occasioni di interazione con i clienti.

▪ L’addetto alla vendita deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima e dopo ogni servizio reso al cliente).

▪ Assicurare la pulizia e la disinfezione quotidiana delle aree comuni.

▪ Favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, la funzione di ricircolo dell’aria.

▪ La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche.

Questo quanto previsto dall’accordo tra Regioni e governo, ora chiudete gli occhi per un istante e provate ad immaginare un centro commerciale di sabato pomeriggio o di domenica… lo vedete anche voi quello che vedo io?

About Francesco Iacovone

About Francesco Iacovone

Un commento

  1. Caro Francesco, da noi non c’è bisogno di aspettare il fine settimana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.