Home / Attualità / Il centro commerciale la caccia: shorts troppo corti
centro commerciale shorts corti

Il centro commerciale la caccia: shorts troppo corti

Le repubbliche del consumo si scrivono le loro regole e così il centro commerciale caccia Gabrielle Gibson, 19 anni, che ha denunciato su Facebook lo spiacevole episodio che l’ha vista protagonista, insieme agli shorts di jeans che aveva scelto di indossare per un giro di shopping nel bollente mese di agosto. Insomma, il personale di sicurezza del centro commerciale ha invitato la giovane ad abbandonare lo stabile poiché le sue forme generose accentuare dagli shorts erano una distrazione eccessiva per gli uomini.

Esser cacciata da un centro commerciale per i suoi shorts troppo corti, neanche fosse un luogo di culto. Limitare a libertà di una donna di vestirsi, anche in relazione alle temperature bollenti di agosto, è illegale e sessista, ma tant’é. Perché al centro commerciale comanda la multinazionale.

A posteriori lo shop di Bel Air ha provato a dare la sua versione dei fatti, spiegando che lo scopo del centro commerciale era mantenere un ambiente familiare e chiunque avesse indossato abiti che violano questa policy “sarebbe stato invitato ad andare via”. Ma la spiegazione è semplicemente ridicola: la toppa è peggiore del buco.

Sono stata letteralmente molestata e cacciata dal centro commerciale BellAir di Mobile, Alabama, oggi per via di quello che indosso. A quanto pare gli uomini adulti non possono contenere se stessi, così mi sbattono fuori. L’agente di sicurezza j. Mathis ha asserito che mi guardava le natiche del culo ed era un problema. Non guardate il mio sedere allora, c’è qualche problema? Nonostante ciò l’agente di sicurezza Davis e il capo della sicurezza Jim Chavis sono stati estremamente maleducati e del tutto poco professionali sulla situazione. Ho detto loro che ho le cosce più grandi e fa semplicemente così caldo per i jeans che non posso impedire loro di salire un po’. Se non a fastidio a me non dovrebbe darlo a te. Sono andati fino in fondo minacciando di chiamare un agente di polizia. Da quello che ho visto oggi tutti avevano i pantaloncini corti addosso. Ma dai, è agosto e faranno 100 gradi là fuori. Non so perché sono stata presa di mira. Sono solo disgustata dal comportamento di tutte queste persone. Mi stavo solo divertendo e cercando di dare un’occhiata in giro. Tutti possono capire ciò. Tutto questo incidente mi ha fatto vergognare.

Segui Not 4 $al€ su Facebook

About Francesco Iacovone

Mi occupo di tutela collettiva dei diritti dei lavoratori. A me piace definirmi un lavoratore prestato al sindacato, anche se formalmente faccio parte dell’Esecutivo Nazionale Cobas [Read more]

Leggi anche

coffee break la7 decreto-monti

Ospite a Coffee Break – LA7: “il decreto Monti deve essere abolito”

Ospite di Coffee Break su La7 per affrontare i temi del lavoro e dello sfruttamento. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.