Home / Il lavoro che uccide / La mannaia del capitale

La mannaia del capitale

Un altro gladiatore senza scarpini e senza pallone, un altro eroe senza fucile mitragliatore e tuta mimetica ci ha lasciato. Enrico, titolare di una ditta esterna di autotrasporti, è stato colpito in pieno da rottami di ferro in fase di movimentazione, all’interno del Centro di finitura della ThyssenKrupp Acciai Speciali Terni.

Un altro lavoratore, con la sua tuta, la sua dignità e tutta la sua fatica, ha pagato il prezzo troppo alto imposto dal capitale, l’ha pagato con la vita.

L’uomo è stato raggiunto con una violenza tale che il materiale ferroso che lo ha colpito lo ha letteralmente decapitato. A rendere ancora più terribile la dinamica – riporta il giornale Umbria 24 – c’è un dettaglio ormai confermato: a manovrare il “ragno-calamita” che stava spostando i rottami ferrosi e che avrebbe travolto l’uomo, sarebbe stato il figlio, 25 anni, con il quale lavorava.

Il mio pensiero va a Enrico, va a tutti quelli che sono usciti di casa al mattino per andare al lavoro e non vi sono mai più tornati. Va ai parenti che non li hanno mai più abbracciati, a tutte quelle mamme, quei papà, quelle mogli e quei figli che anche quest’anno subiranno la fredda conta delle statistiche e la falsa retorica dei buoni propositi.

Mentre cala l’occupazione siamo arrivati a 459 morti per infortuni sui luoghi di lavoro, dall’inizio dell’anno +7,5 % rispetto allo stesso giorno del 2013. Se si aggiungono i “diversamente assicurati” che non appaiono mai nelle statistiche delle morti sul lavoro, tra questi i morti sulle strade, in itinere e di categorie con assicurazioni proprie, diverse dall’INAIL, l’osservatorio Indipendente di Bologna stima che le morti sul lavoro superano complessivamente le 950 unità. Una Mattanza!

Ogni morto e ogni infortunio sul lavoro è un fatto che mi riguarda, che ci riguarda tutti. Non dobbiamo smettere, nel nostro piccolo, di esercitare un attento controllo sulle condizioni di lavoro e dobbiamo continuare a lottare per la riconquista di condizioni di maggiore salute e sicurezza… Le nostre vite valgono ben più dei loro profitti!

Segui Not 4 $al€ su Facebook

About Francesco Iacovone

Mi occupo di tutela collettiva dei diritti dei lavoratori. A me piace definirmi un lavoratore prestato al sindacato, anche se formalmente faccio parte dell’Esecutivo Nazionale Cobas [Read more]

Leggi anche

lavoro outlet castel romano

All’Outlet di Castel Romano è andato a fuoco il lavoro

Deborah ieri era sul treno ROMA TERMINI/NETTUNO e mi racconta che gli annunci dicevano espressamente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.