Home / Diritti e risposte / Le ferie: per capirci un po’
ferie lavoro diritti risposte

Le ferie: per capirci un po’

Come ogni anno, siamo all’amato e odiato momento del “piano ferie”. Da una parte l’azienda ci spinge a goderle in base alle sue necessità, dall’altra siamo chiamati a fare i conti con le esigenze delle mogli, dei mariti, dei figli, ma soprattutto del nostro bisogno di goderci il meritato e sudato periodo di riposo.

Incastrare tutto ciò non è affatto semplice, ma orientarci un po’ sulla normativa potrebbe risultarci utile. E allora andiamo a dare uno sguardo alla materia…

Le ferie annuali retribuite maturano in maniera progressiva e proporzione al lavoro prestato.

La costituzione, all’art. 36, sancisce il diritto del lavoratore a godere di un periodo di ferie annuali, che sono irrinunciabili e devono essere retribuite. Successivamente il Decreto Legislativo n. 66 del 2003, ha stabilito che le ferie annuali devono essere di almeno quattro settimane e che l’effettivo numero di giorni di ferie concesse ai lavoratori è stabilito dai contratti collettivi (CCNL).

Quest’ultimi devono però tener conto del numero minimo di 4 settimane e quindi possono derogare solo in favore dei lavoratori (inderogabilità in pejus). Generalmente le ferie retribuite concesse sono 26 giorni all’anno.

Le ferie “maturano nel corso del rapporto di lavoro, anche durante il primo anno o durante il periodo di prova, inoltre il diritto alle ferie può essere normalmente frazionato e riconosciuto in proporzione alla quantità di lavoro prestato”, è quanto stabilito dalla Corte Costituzionale con varie sentenze. La stessa Corte sancisce che “le ferie devono essere godute entro l’anno di maturazione”.

Quindi le ferie maturano nel corso dell’anno, sin dall’inizio del rapporto di lavoro, ed in proporzione al lavoro prestato. Ne consegue che il lavoratore che ha prestato il lavoro per tutta la durata dell’orario contrattuale (anche part time) e per tutto l’anno, ha diritto alla misura piena delle ferie (spesso fissate in 26 giorni di ferie all’anno).

Ma la maturazione del diritto alle ferie si acquisisce progressivamente. Infatti i lavoratori che hanno lavorato un periodo inferiore all’anno, maturano tanti ratei di ferie per quanti mesi sono stati lavorati, sempre tenendo conto che vengono incluse le frazioni di mese di almeno 15 giorni.

Ferie maturate in un mese. Esempio: il lavoratore per contratto collettivo ha diritto a 26 giorni di ferie annue. Il rateo mensile va calcolato in questo modo: 26 giorni di ferie / 12 mesi = 2,166 giorni di ferie maturati al mese.

Ferie maturate in un anno. Esempio (lo stesso): il lavoratore per contratto collettivo ha diritto a 26 giorni di ferie annue. Se ha lavorato un anno intero, allora le ferie annuali saranno 26. Ma se per esempio ha lavorato solo 3 mesi su 12 dal 1 ottobre al 31 dicembre, allora il calcolo sarà il seguente: 26 giorni di ferie / 12 mesi = 2,166 giorni di ferie maturati al mese, che sarà moltiplicato per 3 mesi e quindi il totale delle ferie maturate sarà 2,1666 x 3 = 6,50 giorni. Diversamente, se il rapporto è iniziato il 20 ottobre, i mesi da considerare saranno solo 2 e quindi 2,1666 x 2 = 4,333 giorni di ferie.

Maturazione delle ferie per il part time

Nel caso di part time orizzontale (es. orario di lavoro da lunedì al venerdì, con 4 ore di lavoro), il principio di non discriminazione comporta che la durata delle ferie non sia diversa dai lavoratori a tempo pieno. Nel caso di part time verticale (es. lavoro prestato solo per alcuni giorni della settimana), il periodo di godimento delle ferie viene ridotto proporzionalmente all’attività lavorativa effettivamente svolta.

Periodo di riferimento per la maturazione

Il periodo di riferimento per la maturazione delle ferie è per legge di 12 mesi e normalmente coincidente con l’anno solare, quindi dal 1 gennaio al 31 dicembre. Ma può decorrere anche a partire dal periodo in cui vengono normalmente concesse tradizionalmente le ferie, cioè ad agosto. Quindi il periodo può decorrere dal 1 agosto al 31 luglio. In ogni caso spetta al datore di lavoro definire il periodo annuale di riferimento per la maturazione delle ferie.

Rientra tra le possibilità del datore di lavoro, l’assegnazione delle ferie maturate dopo una frazione di anno dall’assunzione ed il computo, a partire dalla ripresa del lavoro, di un nuovo anno di lavoro entro il quale collocare un intero periodo di ferie annuali. E’ il caso dell’adozione di un intervallo fisso per tutti i lavoratori come anno di riferimento, per esigenze aziendali (es. lavoratore assunto ad ottobre, il datore gli assegna le ferie fino a dicembre in modo da far partire l’anno di maturazione per il neoassunto da gennaio, come tutti i lavoratori). In questo caso, in altre parole, il datore di lavoro evita che l’anno di servizio sia computabile ai fini della maturazione in maniera individuale per ogni lavoratore a partire dalla data di assunzione.

Le assenze e le ferie

Alcune tipologie di assenze sono computabili per la maturazione delle ferie (e quindi l’assenza viene equiparata ad un periodo di lavoro prestato), mentre altri tipi di assenze non sono computabili per il calcolo delle ferie e quindi durante il periodo di assenza non c’è incremento progressivo delle ferie.

Le assenze computabili, che consentono quindi la continuazione della maturazione delle ferie, sono:

  • Assenza obbligatoria per gravidanza e puerperio;
  • Assenza per malattia o infortunio sul lavoro, nei limiti del periodo di comporto;
  • Assenza per l’adempimento di funzioni presso i seggi elettorali;
  • Assenza per congedo matrimoniale (come già detto);

Malattia e maturazione delle ferie

La malattia che sopraggiunge durante il periodo di ferie ne interrompe il decorso, questo è il principio generale. Per quanto riguarda la maturazione delle ferie durante tutto il periodo di malattia, la Cassazione ha sancito che la maturazione non può essere impedita dall’assenza per malattia in quanto è ricollegabile non solo ad una funzione di corrispettivo per l’attività lavorativa, ma anche al soddisfacimento di esigenze psicologiche del lavoratore, quali la partecipazione alla vita familiare, le quali sussistono a prescindere dalla prestazione lavorativa. Quindi come detto, durante la malattia il lavoratore matura le ferie.

Le assenze non computabili, che quindi non consentono la maturazione delle ferie, sono:

  • Assenza per congedo parentale;
  • Assenza durante le malattie del bambino;
  • Aspettativa per i lavoratori chiamati a funzioni pubbliche elettive o a ricoprire cariche sindacali provinciali e nazionali;
  • Assenza per malattia o infortunio sul lavoro, oltre i limiti del periodo di comporto;
  • Permessi e aspettative non retribuiti;
  • Periodi di cassa integrazione a zero ore.

Come si può capire, si tratta di periodi di assenza da lavoro non rientranti tra quelli completamente tutelati ed equiparati ad un periodo di lavoro prestato. Alcuni contratti collettivi prevedono anche altre causali di assenza che possono essere considerate utili per la maturazione delle ferie.

Quando devono essere godute

L’esatta determinazione del periodo feriale, presupponendo una valutazione comparativa di diverse esigenze, spetta unicamente al datore di lavoro. Il potere discrezionale del datore di lavoro di fissare l’epoca delle ferie, però, non è privo di vincoli. Egli infatti è tenuto a:

  • Tenere conto degli interessi del lavoratore (art. 2109 codice civile);
  • Comunicare al lavoratore il periodo stabilito per il godimento delle ferie con sufficiente preavviso in modo da consentire al lavoratore di organizzare al meglio il riposo concesso;
  • Rispettare il principio per cui le ferie devono essere godute entro l’anno e non successivamente.

Pertanto, è illegittima la determinazione unilaterale del periodo di godimento delle ferie da parte del datore di lavoro allorché:

  • Non venga tenuto conto anche degli interessi dei lavoratori e non vi siano comprovate esigenze organizzative aziendali;
  • Non venga salvaguardata la funzione fondamentale delle ferie, ossia di consentire al lavoratore la reintegrazione delle energie psicofisiche.

Sospensione delle ferie in caso di malattia

La malattia insorta durante il periodo di ferie sospende le ferie stesse se la malattia è tale da pregiudicare la funzione delle ferie, il cui scopo è consentire il recupero delle energie psico-fisiche attraverso il riposo e la ricreazione.

Il lavoratore ammalatosi durante le ferie deve trasmettere il certificato di malattia in via telematica all’INPS (la procedura la fa il medico del Servizio Sanitario Nazionale, non il lavoratore), in modo da portare a conoscenza del datore di lavoro lo stato di malattia del proprio dipendente. Solo così facendo si ha poi diritto di richiedere di godere del periodo di ferie perduto a causa della malattia.

Pertanto, la conversione dell’assenza per ferie in assenza per malattia opera soltanto a seguito della comunicazione dello stato di malattia al datore di lavoro, salvo che quest’ultimo non provi l’infondatezza di detto presupposto, cioè provando che la natura della malattia non ha impedito il recupero delle energie psico-fisiche del lavoratore.

Divieto di monetizzazione delle ferie

La Legge del 2003 ha introdotto in Italia, in modo espresso, il divieto di monetizzazione del periodo di ferie corrispondente alle quattro settimane garantite per legge. In sostanza, per rafforzare il contenuto indisponibile e irrinunciabile delle ferie, il lavoratore non può accordarsi con il datore di lavoro per trasformare in retribuzione i giorni di ferie non goduti.

In linea generale, limitatamente al caso di risoluzione del rapporto di lavoro, i contratti collettivi dispongono la monetizzazione del periodo di ferie non godute quando la mancata fruizione sia dipesa da esigenze di servizio o comunque da un’impossibilità oggettiva non imputabile alla volontà del lavoratore.

Retribuzione delle ferie

Il diritto alle ferie implica per il datore di lavoro non solo l’obbligo di assegnarle, consentendo al lavoratore di assentarsi dal servizio, ma anche quello di corrispondergli per tale periodo la retribuzione.

Nel periodo di ferie il lavoratore ha diritto ad una retribuzione uguale a quella che avrebbe percepito se avesse lavorato. Pertanto è nullo, contrastando con l’art. 36 della Costituzione, ogni patto individuale o collettivo che preveda un trattamento deteriore.

Ops… dimenticavo… Buone ferie!!


Segui Not 4 $al€ su Facebook

About Francesco Iacovone

Mi occupo di tutela collettiva dei diritti dei lavoratori. A me piace definirmi un lavoratore prestato al sindacato, anche se formalmente faccio parte dell’Esecutivo Nazionale USB... [Read more]

Leggi anche

busta paga diritti risposte pensieri parole

La busta paga: come si legge?

La busta paga, croce e delizia dei lavoratori tanto da rappresentare uno degli argomenti più …

255 Comm.

  1. Buongiorno,
    la mia azienda ci ha fatto sapere (oggi 19 luglio) che entro il 25 di luglio saremo obbligati a prendere 3 settimane di ferie solari in uno spazio temporale che va dal primo agosto al 2 settembre.
    E’ possibile da un punto di vista legale/contrattuale che venga fatta una cosa del genere?

    Grazie mille

    • Buongiorno Vins, sarebbe possibile solo nel caso in cui avessi un eccessivo numero di giorni di ferie arretrate da smaltire. Le ferie dell’anno in corso, invece, vanno smaltite entro giugno dell’anno successivo.

      • Buon giorno mi chiamo santo lavoro x un’azienda di trasporti siciliana e abito a Ravenna faccio l’autista di mezzi pesanti lavoro a tempo pieno e indeterminato, l’azienda mi segna un giorno di ferie se non lavoro di sabato.da premettere che l’autista e subordinato a degli orari previsti e sanzionabili dalla legge.sono obbligato a fare 45 ore consecutive di riposo settimanale (sabato e domenica)e giusto che mi segnino il sabato come ferie? Grazie

  2. Spesso si equivoca sulla maturazione delle ferie. Es: se il lavoratore assunto ha diritto secondo il CCNL di riferimento ad un periodo di congedo annuale, è vero che matura mese per mese il diritto, ma è anche vero che le giornate di congedo sono anticipabili ed eventualmente recuperabili da parte dell’azienda.
    Mi spiego, prendiamo l’esempio di un lavoratore assunto da gennaio, ha diritto secondo CCNL di 26 giorni di ferie (congedo) annuali, ma nel caso avesse bisogno di usufruire di 1 giornata di ferie per i mesi di gennaio, febbraio, marzo e aprile e di 2 a maggio, non sarebbe nelle condizioni di potere godere delle ferie (due settimane continuative nel periodo che va da giugno a settembre, e quindi non rispettare il Dlgs 66/2003) perché non avrebbe maturato le ferie (2.166 al mese). Quindi va da se che i giorni stabiliti dai CCNL sono invece fruibili tutti dal primo momento, salvo la facoltà del datore di lavoro di recuperare le ferie non maturate secondo i ratei stabiliti in caso di fine rapporto. Le giornate di congedo sono un patrimonio personale e irrinunciabile, fatta salva la possibilità che per le giornate che non ricadono nel periodo di ferie di 2 settimane continuative secondo il Dlgs 66/2003 per riposo psicofisico, il datore di lavoro per “provate” esigenze di servizio può imporre al lavoratore di spostarne la fruizione in un diverso periodo.

  3. Salve, volevo sapere se durante la maternità facoltativa di accumulano ferie?
    Sono in maternità da gennaio 2015 quindi al mio rientro che sarà tra poco, le ferie del 2015 mi aspettano anche se si è già concluso l’anno solare?

  4. Salve, io ho praticamente utilizzato tutti i giorni di ferie, ne ho da parte ancora 2 e mezzo…posso chiedere altri 2 giorni di ferie? ovvero è possibile chiedere dei giorni in più scalandoli dalla busta paga?

  5. Salve volevo un’informazione….sono stata in infortunio 5 mesi domani rientro al lavoro per 2 settimane dopodiche’sarei in ferie, ma il datore di lavoro mi puo togliere le ferie?

  6. Salve, vorrei chiedere un consiglio non essendo riuscito a trovare una soluzione al mio problema autonomamente.
    Vorrei infatti sapere se esiste un calcolo dei giorni di ferie in base alle effettive ore lavorative. Mi spiego meglio, io lavoro all’estero con una società italiana con la quale ho un contratto CCNL e all’interno del quale il numero di giorni di ferie è indicato come “da CCNL adottato dalla società”. Il problema nasce perché mi è stato comunicato di aver diritto allo stesso numero di ferie dei dipendenti della stessa in Italia (25.5 giorni) anche se a differenza di questi lavoro 48 ore alla settimana, invece che 38 ore. A questo punto mi chiedo se tutto questo sia legale e come potrei controbattere.

  7. Buongiorno, sono un’impiegata del settore commercio, lavoro 8 ore al giorno per 5 giorni alla settimana.
    Quando usufruisco delle ferie, il commercialista dell’azienda le scala anche sul sabato, perché è così il contratto nazionale (cosa comunque ingiusta, perché il sabato è già il mio giorno libero).
    Ho usufruito lo scorso mese di quattro giorni di ferie (dal martedì al venerdì), e me ne ha scalati cinque, segnandomi anche il sabato. E’ legittimo?

    • Buongiorno Tiziana, se il divisore convenzionale è 26 è giusto che ti scalino 6 giorni la settimana. Se fosse 22 ti dovrebbero scalare 5 giorni, in sostanza il totale dei giorni di ferie non cambia.

  8. Salve,
    ho iniziato a lavorare per un’azienda il 9 marzo 2016 e ho notato che nella busta paga, a differenza dei mesi successivi, ho maturato 11,33 ore di ferie e non 13,99 ore. E’ corretto? Oppure dovrebbero considerarlo come mese intero visto che i giorni lavorativi del mese di riferimento sono stati più di 15?
    Grazie

  9. Salve, lavoro come commessa con contratto a tempo inderminato, una decina di giorni fa mi hanno comunicato che la mia settimana di ferie che partiva da oggi (22 agosto) mi veniva tolta causa infortunio di una mia collega. Vorrei sapere come funziona in questi casi, posso decidere io se farla slittare alla settimana successiva anche se è già assegnata ad un’altra persona? Come devo comportarmi? Grazie

    • L’azienda può sospendere, per ragioni tecnico organizzative e produttive, le sue ferie programmate. Ora deve concordare un nuovo periodo di godimento, ma se lei ha prenotato e speso dei soldi le debbono essere rimborsati.

  10. Buongiorno,
    a mio figlio, operaio nel settore artigianato metalmeccanico, nella busta paga di luglio non sono stati pagati 5 giorni di ferie goduti ma non ancora maturati, saranno maturati entro il 31/12.
    E’ la prima volta che succede questo comportamento da parte della ditta, di solito il datore di lavoro pagava regolarmente la mensilità e il conteggio delle ferie si aggiornava mese per mese fino a fine anno.
    Vorrei cortesemente sapere se la procedura è corretta. Grazie

  11. Buongiorno,

    se viene preso solo un giorno di ferie coincidente con il venerdì saranno due i giorni di ferie calcolati in busta paga (venerdì e sabato) o solo uno?

  12. Buongiorno,
    Mi è stato proposto un contratto facente riferimento al CCNL TERZIARIO. Nel contratto c’è esplicitamente scritto che le ferie annuali saranno di 22 giorni lavorativi ed a voce mi è stato detto che per i primi 2 anni “non avrò permessi” (che invece nel contratto non sono esplicitamente nominati). E’ possibile questa cosa?
    Inoltre appare la dicitura “Per altre condizioni non espressamente previste dalla presente lettera si farà riferimento alla normativa contenuta nel C.C.N.L. di riferimento, per la sola parte economica e normativa e non anche per la parte obbligatoria”. Cosa esclude la parte obbligatoria, può aver a che fare con i permessi?

    Grazie

    • Buonasera Giuliano, evidentemente lei lavorerà su 5 giorni settimanali, con divisore convenzionale 22. Questo le permette comunque di usufruire delle 4 settimane di ferie spettanti. Per i nuovi assunti, indipendentemente dai regimi di orario adottati in azienda, le ore di permesso verranno riconosciute in misura pari al 50%, decorsi due anni dall’assunzione e in misura pari al 100% decorsi quattro anni dall’assunzione. Per i resto, intendono che è normato come da CCNL nazionale. Saluti.

  13. Buongiorno,
    sto lavorando a tempo indeterminato nel settore commercio full time 40 ore settimanali.
    Ho intenzione di richiedere il part time a 32 ore per poter seguire un corso di un solo giorno la settimana.
    Quindi lavorerei 4 giorni su 5. A quanto ammonterebbero le mie ferie mensilmente?
    Per assentarmi da lavoro un giorno la settimana per motivi di studio (scuola di recitazione), ho come
    unica opzione quella di richiedere un part-time o la legge prevede qualche altra forma?

    Grazie mille

    Carlotta

    • Buongiorno Carlotta, le sue ferie ammonterebbero sempre a 4 settimane in un anno. Per quanto riguarda i permessi studio, le spettano soltanto se intende frequentare corsi di studio compresi nell’ordinamento scolastico, svolti presso istituti pubblici costituiti in base alla legge 31 dicembre 1962, n. 1859, o riconosciuti in base alla legge 19 gennaio 1942, n. 86, nonché corsi regolari di studio per il conseguimento del diploma di scuola secondaria superiore e per il conseguimento di diplomi universitari o di laurea o di master universitari promossi da università pubbliche o private legalmente riconosciute. Un saluto.

  14. Buonasera,
    Ho un contratto di 35 ore settimanali dal lunedì al venerdì. A causa di lavori di ristrutturazione dello studio dove lavoro sono stata in ferie dal primo agosto al 31 agosto. La busta paga mi è arrivata con 25 giorni di ferie perché la consulente di lavoro dice che quando le ferie sono continuative si considera anche il sabato, e’ possibile?
    Grazie saluti

    • Buongiorno Cristina, se lavora cinque giorni alla settimana, si considerano 6 giorni di ferie solo se il suo divisore convenzionale è 26. Se invece il divisore convenzionale è 26 i giorni da sottrarre sono 5. Un saluto.

  15. buon pomeriggio. sono impiegata part- timein uno studio a h 24,50 a settimana da lunedì a venerdi. ho 26 gg di ferie maturate e sono stata in ferie dal 01 agosto al 31 compreso. Domanda: ma quanti gg di ferie ho goduto? la mia busta paga dice 13 .Ma è giusto?

    grazie.

    • Buongiorno, Il contratto di lavoro part time è un contratto che prevede un monte ore lavorativo ridotto rispetto a quello del lavoratore a tempo pieno che ammonta a 40 ore settimanali. Le ferie di un lavoratore part time sono calcolate secondo questa proporzione:

      e : d = f : g

      e= orario medio mensile dipendenti a tempo pieno
      d = monte ore ferie mensili dipendenti a tempo pieno
      f= impegno lavorativo medio mensile lavoratore Part time
      g= monte ore ferie mensili dipendenti part time

      Il calcolo delle ferie di un lavoratore dipendente è il risultato di questa proporzione matematica secondo un disegno del Ministero del lavoro. Un saluto.

  16. Buongiorno,
    Ho il contratto del commercio e sul mio contratto c’è scritto che il mio orario è di 40 ore settimanali distribuite in 5 giorni, dal lunedì al venerdi. Ho fatto 2 settimane di ferie e mi hanno tolto 12 giorni e non 10, perchè dicono che il contratto del commercio prevede 6 giorni lavorativi, e che quindi facendo 2 settimane di fila mi hanno conteggiato anche i 2 sabati.
    E’ corretto?

    Grazie mille

  17. Buonasera, in caso di part time verticale le ferie vengono calcolate in giorni o in ore? ho un contratto part time 30 ore ma il mio orario di lavoro non è lo stesso tutti i giorni. contratto studi professionali.
    grazie

  18. Buongiorno vorrei un chiarimento noi ne mesi estivi prendiamo 15 giorni di ferie almeno pensavo ma ho scoperto che detraggono i 2 giorni di riposo a questo punto sono 13 i giorni di ferie.

    • Buongiorno Sebastiano, se l’azienda ha sottratto 2 giorni di permesso invece che 2 di ferie, la sostanza non cambia. Lei avrà due giorni in meno di permesso ma si troverà due giorni di ferie “risparmiati”. Un saluto.

  19. Salve…un dubbio..lavoro nel commercio nello specifico un supermercato aperto tutti i gg e orario continuo.
    la mia azienda mi dà 3 gg di ferie con una decurtazione totale di 24 ore…è possibile? ( contratto da 38) grazie

  20. Maria Pina Maggio

    Salve. Vorrei avere delucidazioni un merito alla mia attuale situazione…sono in maternità facoltativa dal 09 luglio u.s. e ho preso 4 mesi fino al 09 novembre p.v. in seguito mi è stato detto che sono tenuta a prendere tutti i 45 giorni di ferie finora maturati…ma è così. .? Mi chiedo…quellI del 2015 non dovrei consumarli entro maggio 2016..? E poi tra questi 45 gg nn c sono anche quelli maturati da gennaio ad aprile fi quest anno che quindi dovrei poter prendere entro maggio 2017..? Tenga conto che maturo 2.5 giorni al.mese…un’altra domanda…se al termine delle ferie decidessi di prendere ancora un mese di facoltativa senza rientrare a lavoro ma avvisando per tempo potrei farlo..? Grazie mary

    • Buongiorno, il tempo di fruizione delle ferie maturate è quello che lei ha correttamente indicato nella domanda. Il mese ulteriore di facoltativa lo potrebbe prendere senza problemi. Un saluto.

  21. Salve sono Tiziana volevo sapere se è giusto decidere le ferie un determinato periodo date tempestivamente a distanza di 2 gg e invece dipo 17 gg mi viene detto di no perché sono state date ad un altra collega e quandi ho chiesto il mitivo al datore di lavoro e poi ho parlato alla collega e mi hanno dato versioni diverse

  22. Buongiorno,
    sono un’impiegata del commercio dipendente di un’azienda con 15 dipendenti.
    Ad una settimana dalla festività, il datore di lavoro ha mandato una comunicazione via mail per informarci che quest’anno la festa del Santo Patrono veniva “spostata” al giorno 24 Dicembre (peraltro un sabato).
    Purtroppo l’ambiente non è dei migliori e la volontà di fare un “dispetto” è evidente.
    Alla mia richiesta di chiarimenti, mi veniva risposto che “è facoltà del datore di lavoro spostare la festività in una giornata a scelta”.
    Posso avere conferma se il comportamento del datore di lavoro è lecito? Possibile che possa essere scelto un giorno A CASO?
    Se così non fosse, è possibile avere un riferimento normativo che io possa presentare nella discussione?

    Grazie mille in anticipo per il riscontro, e cordiali saluti

    Marinella Cuna

    • Buongiorno Marinella, ovviamente quanto affermato dal datore di lavoro non trova alcun riferimento giuridico o normativo. Il CCNL di categoria non contempla la possibilità di tale spostamento. Un saluto.

  23. Buongiorno, volevo sapere se il datore di lavoro può decidere di mandare un dipendente in ferie per UNO/DUE giorni con nessun preavviso (oggi su oggi, oggi u domani).
    Grazie mille

  24. Salve , sono una badante è mi ritrovo in una brutta situazione con la mia principale cioè il rapporto di lavoro finisce il 23 di ottobre 2016 ho iniziato a lavorare il 23 gennaio 2015 quindi si il mio stipendio è di 700 euro al mesi vorrei sapere quante ferie ho maturato e quando dovrei prendere a Gionata di ferie premetto a dire che ho preso 20giorni quanti giorni di ferie mi dovrebbe pagare lei visto che lei parla che del 23di febbraio 2015 al 23 di febbraio 2015 è un anno lavorativo è corretto? Non è febraggio 23 2015 ad 23 di genaio 2016 un anno solare per favore qualcuno mi aiuti grazie

  25. Buongiorno, ritirando la busta paga di agosto il mio datore di lavoro non mi ha pagato i 4 giorni di ferie però sono state scalate. Come dovrei comportarmi? Grazie

    • Buongiorno Pasquale, se le ferie le ha godute è corretto che le siano state scalate, altrimenti deve chiedere che le vengano reintegrati i 4 giorni di ferie. Inoltre le ferie, a meno di un licenziamento, non sono monetizzabili ma vanno fruite. Un saluto.

  26. Buongiorno un titolare può decidere i giorni da fare le ferie per smaltirle dando per esempio come ferie lunedì mercoledì e venerdì ? Questo deciso una settimana prima ? Così frazionati non servono a niente. Grazie

    • Le ferie devono essere “consumate” proprio per consentire il riposo psico-fisico del leavoratore, ma lei ha ragione, in quanto non possono, per legge, essere frazionate per più di due periodi all’anno. Un saluto.

  27. Buongiorno Francesco, credo sia opportuno fare chiarezza sulla modalità di conteggio dei giorni integrando il testo dell’articolo (già di per se chiaro ed esaustivo), visto che nel commercio il sabato è considerato lavorativo a zero ore. Pertanto sembra che prendendo il venerdì di ferie viene conteggiato anche il sabato e con un giorno se ne perdono due.

    • Buongiorno Pasquale, in realtà nel commercio generalmente si lavora su sei giorni, di conseguenza il divisore convenzionale è “26” fatte salve alcune eccezioni. Quindi, chi lavora su 5 giorni e ha applicato il divisore convenzionale “26”, per una settimana di ferie si trova scalati 6 giorni. Se si usufruisce del solo venerdì, viene scalato un solo giorno di ferie. Un saluto.

  28. Buonasera, le illustro la mia situazione, sono una commessa assunta part time. Lavoro 5 ore x 4 giorni a settimana, in tot 20 ore settimanali. Mi chiedevo quanti giorni mi spettano. E un altra cosa se mi premdo le ferie e queste mi coincidono con i 3 giorni di riposo i giorni di riposo vengono conteggiati come ferie? Ad es i mie giorni liberi sono ven sab e dom e io chiedo le ferie dal giovedi al martedi successivo viene considerata tutta la sett come ferie?

  29. buona sera sonno mariana balan ,residente a verona . una setimana fa sonno turnata dalle ferie . oggi alle 14.31sono stata chemata del responsabile de la dita s.a.i s.c.s torina che dal 28 .10.2016 fino in 11.11.2016 sonnno in ferie , cosa devo fare ? grazie

    • Buongiorno Mariana, se si tratta di ferie accumulate nel tempo, va concordato (e non imposto) il periodo di fruizione. Se si tratta ferie dell’anno in corso, va concordato il periodo di fruizione entro giugno del prossimo anno.

  30. Buonasera Francesco,

    Vorrei sapere se mi aspetta ore di permesso con il mio contratto, determinato 30 ore settimanali, con seconda proroga. I colleghi mi dicono che non mi aspetta con il nuovo contratto del Jobs Act per due anni.
    Grazie mille

  31. Buongiorno. Alternando in un mese giorni di congedo parentale ( che non danno diritto alla maturazione di ferie) a giorni di ferie ( che concorrono alla maturazione di altre ferie) c’è un numero minimo di ferie mese da effettuare per garantire la maturazione del rateo 2.1 7?
    Grazie

  32. Salve, vorrei che mi chiarisse una cosa.
    Sono assunta dal 2003 da una ditta che poi nel 2010 ha trasferito il personale ad un’altra ditta, del medesimo proprietario, per cessazione attività della prima. Il luogo di lavoro è rimasto lo stesso come anche il tipo di contratto, in sostanza cambiava solo la denominazione della ditta. La mia domanda è: i 10 anni di anzianità per usufruire di 5 giorni di ferie in più devo conteggiarle dal 2003 o dal 2010?

  33. Buonasera,
    ho iniziato a lavorare a fine ottobre nella reception di uno studio legale tramite un’agenzia. Ho un contratto a chiamata part-time fino al 30 novembre, con molta probabilità mi verrà rinnovato almeno fino a gennaio/febbraio. Lavoro 5 su 7, 6 ore al giorno, vorrei capire se i 4 giorni che maturerò tra novembre e dicembre, dovrò farli entro il 31/12.
    Grazie

  34. Buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento relativamente all’argomento ‘maturazione ferie e trasferta estera’; in particolare vorrei sapere se una trasferta estera durata 2 mesi (quindi comprensiva di 8 weekend) determina una maturazione diversa delle ferie(o una qualche integrazione o simili). Preciso che ognuno dei giorni di trasferta(quindi anche sabati e domeniche) prevedevano una diaria fissa, che durante il weekend ‘ufficialmente’ non lavoravo e che il contratto che ho è del commercio 2nd livello.
    Grazie mille.

    Michele

  35. Buongiorno Francesco, vorrei capire se il datore di lavoro può imporre un piano ferie (tenendo conto che il negozio non chiude mai),chiedendo di prendere 2 settimane consecutive nel mese di Febbraio o di fine Ottobre /Novembre, non dando la possibilità di poterle scegliere nei mesi estivi.
    Le restanti 2 settimane (frazionate) andrebbero prese in altri mesi sempre imposti dall’azienda.
    Con buonsenso non chiediamo di fare 2 settimane a luglio e gennaio, mesi di saldi o a dicembre, ma almeno a giugno, agosto o settembre, in modo da poter godere delle ferie con le nostre famiglie.
    Grazie mille!
    Buona giornata

  36. Buongiorno Francesco, vorrei sapere come mai nelle mie ferie mi viene contato anche il sabato, premetto che lavoro 3h 1/2 da lunedì al venerdì, lavoro presso un artigiano/fabbro in amministrazione. A volte non mi viene contato il giorno di festa. C’è una logica in tutto questo? Grazie. Tiziana

  37. Buongiorno Francesco,
    avrei bisogno di un chiarimento…io svolgo il mio lavoro in una settimana di 6 giorni ma ogni giorno ho orari differenti (lunedì 3+1/2 ore di lavoro; martedì 5+1/2; mercoledì e venerdì 8 ore; giovedì 4 ore e sabato o domenica 7 ore)…per il calcolo delle ferie se ad es. vado in ferie mercoledì, giovedì e venerdì, quanti giorni di ferie devono essere conteggiati 2e 1/2 (mercoledì e venerdì da 8 ore e giovedì da 4 ore) oppure tre giorni interi?
    Grazie dell’eventuale risposta.
    Saluti.
    Sabrina

  38. Salve, lavoro presso un punto vendita aperto tutti con orario continuato dal lunedì a sabato, full time 38 ore a settimana;oggi l’azienda ci ha comunicato l’obbligo di scegliere metà delle ferie del prossimo anno, che verrebbero pi confermate solo con 30 gg di anticipo.E’ possibile che l’azienda imponga la propria volontà di scegliere l’altra metà delle ferie al posto del dipendente, dando una conferma delle stesse solo 15 gg prima?
    Grazie

  39. Salve, ho un contratto part time orizzontale che prevedono 18 ore settimali (72 mensili). La mia domanda è : quanti giorni di ferie mi competono in un anno?
    Grazie.

  40. Buonasera, avrei bisogno di un chiarimento riguardo la ridistribuzione delle ferie dopo un cambio di contratto. Mi spigo meglio dal 1 di ottobre sono passata da un part time verticale di 24 ore lavorate su 4 giorni ad un part time di 28 ore lavorate su 5 giorni.
    Il mio residuo ferie mi è stato ridistribuito in base al nuovo orario, facendo più ore e lavorando 5 giorni a settimana è diminuito.
    È giusto che quest’anno non vengo a maturare 4 settimane ma molte meno per via di questo cambiamento? Grazie

  41. buongiorno, nel contratto del commercio è possibile fruire dei giorni di ferie anche singolarmente? ad esempio posso prendere 1 o 2 giorni senza dover per forza prendere una settimana intera?

    grazie

  42. Buonasera Iacavone,

    per un contratto di lavoro indeterminato di 40 ore settimanali, dove svolgo una settimana 5 gg lavorativi di 8 ore, mentre la seconda settimana di 6 gg lavorativi di cui 4gg di 8 ore e 2gg di 4 ore, alternandosi, quanti giorni di ferie mi aspettano nell’arco dell’anno 26gg e/o 21gg?

    grazie

  43. Buongiorno,
    Ho bisogno di un’informazione. Se il medico mi prescrive 2 giorni di malattia tramite certificato medico, è possibile che il datore di lavoro mi scali due giorni di ferie? Grazie.

  44. Salve Francesco,
    è possibile prendere un giorno di ferie se si è dato le dimissioni e si è nel periodo di preavviso? Se si, cosa succede? c’è un prolungamento del periodo di preavviso?
    Per quanto riguarda le ferie maturate ma non godute, alla conclusione del rapporto di lavoro si perdono?

    Grazie

  45. Buona sera Lavoro come autista. Vado a fare viaggi all’estero e spesso sucsede che rimango sabato e domenica fuori sede (di solito sabato guido il camion e domenica sono in pausa). Come mi devono pagare il week-end? Un’altra domanda, nel mese di ottobre ho lavorato 15 giorni (9 giorni lavarativi e 3 week-end di cui 3 sabati e 3 domenice). Poi sono stato 12 giorni in ferie. Mi può dire qanti giorni di ferie deveno pagare e come considerano i giorni che ho lavorato? Grazie mille.

  46. Salve, lavoro presso un punto vendita aperto tutti con orario continuato dal lunedì a sabato, full time 38 ore a settimana, è possibile che ad oggi,non sia stato pianificato un piano ferie dell’anno corrente ,(che di solito si organizza per ottobre/novembre dell’anno precedente)in quanto l’azienda ha già predisposto degli spostamenti di dipendenti da un punto vendita all’altro e viceversa (senza giustificato motivo per altro)?
    Grazie

    • Buongiorno, purtroppo non ci sono obblighi contrattuali per la pianificazione delle ferie. Per cui la forza contrattuale e la coesione è l’unico strumento a vostra disposizione.

      • Capisco, un’ultima cosa, è possibile che l’azienda traferisca in un punto vendita della stessa provincia uno o più addetti senza motivo e senza che questi ultimi possano rifiutarsi?specialmente dopo aver richiesto con lettera ufficiale al direttore delle risorse umane un avvicinamento nella propria città di residenza?
        Grazie e buona serata, Alastor.

        • I trasferimenti sono leciti se per comprovate ragioni tecnico, organizzative e produttive. E comunque entro 50 km nella provincia di residenza.

          • E come provare che i trasferimenti siano per ragioni tecnico organizzative, quando un addetto viene trasferito 7/8 volte nel giro di qualche anno?non di rado viene trasferito qualcuno di scomodo piuttosto che per una ragione di tipo produttivo…che non ci si possa rifiutare, visto che di motivi validi non ce ne sono è una follia…

          • Hai ragione, è una follia che dobbiamo combattere con l’organizzazione e la lotta.

  47. Salve, un’informazione: ad un impiegato a tempo indeterminato con part-time verticale o misto, quanti gg di ferie spettano? Le ferie non godute vengono sempre pagate? Grazie.

  48. Buongiorno, ho iniziato a lavorare da poco e quindi sono molto poco esperta…
    Il mio contratto è iniziato il 20 settembre 2016 (CCNL commercio, indeterminato 40 ore a settimana). Riguardando il cedolino di settembre, mi sono accorta che non sono segnate ferie maturate per i 10 gg in cui ho lavorato (neanche una cifra irrisoria, che so: 0,3). È normale? Le ferie vengono calcolate solamente sul mese intero?
    Grazie in anticipo!

  49. buongiorno le spiego il mio problema ho un contratto di lavoro a tempo indeterminato dal 3 marzo 2015 non sono riuscito a fare tutte le ferie infatti finora facendo riferimento al anno2015 e 2016 ho maturato 47 giorni di ferie ne ho usufruito di 19 il problema della mia busta paga e che le ferie mi vengono retribuite ad ore ad esempio nei miei 19 giorni il commercialista mi ha calcolato il coefficiente orario di 8 ore quindi 19per 8 =152 ore io ho un contratto di 40 ore settimanali divise in 6 giorni lavorativi quindi è un errore calcolare le ferie ad 8 ore? perché 40/6=6,ecc… se calcolare ad 8 non sono più 26 giorni di ferie ma meno volevo sapere se è corretto il mio ragionamento è se si come posso fare per far vaLete il mioi diritto alle ferie grazie e scusi x tutti questi numeri

    • Buongiorno, dipende dal suo divisore convenzionale, ovvero se ìei lavora su sei giorni (divisore convenzionale 26), o se lavora su 5 giorni (divisore convenzionale 22). Resta inteso che le ferie non dovrebbero cumularsi dal momento che servono al suo recupero psico-fisico.

      • Salve io ho un problema che le ferie non mi sono state pagate ma tolte dalla paga base così facendo da prendere di meno , loro dicono che li hanno scalate dalla paga base ma se il mio contratto e inquadramento di paga base e tot perché non me li conteggiano le ferie insieme alla paga base mi conteggiano solo maggiorazioni straordinario ma lei ferie non me l’anno conteggiate in tutte le competenze come funziona ?

  50. il mio divisore è 26 solo cheche 1 giorni di ferie mi calcolavengono 8 ore ma io in un giorom faccio 6,3333 ore quindi così nn arrivo a 26 giorni ma 21 cm posso fare perper rrisolvere questo problema?

  51. Buongiorno.Ho un contratto a tempo determinato che scade a fine ottobre 2017.ho fatto le ferie ad’agosto del 2017…..ho chiesto 2settimane di ferie a dicembre,ma non sono state aprovate dall’azienda….vorrei sapere se chiedo le ferie estive entro il limite stabilito dall’azienda (21/03)……sono obbligati a confermarmi le ferie estive di 4 settimane consegutive??…visto che se non usufruisco delle ferie non me vengono neanche retribuite…..

  52. Buongiorno Francesco, a dicembre 2016 ho firmato un contratto a tempo determinato per un anno settore terziario – commercio di 40 ore settmanali da svolgere in sei giorni domeniche comprese. Dall’azienda hanno richiesto piano ferie per l’anno e in base alla regolamentazione che io conosco ho dato per il periodo estivo due settimane continuative, dato che mi è sempre stato detto che per quanto riguarda le ferie estive, il datore di lavoro è tenuto a garantire il periodo richiesto (salvo eventi straordinari ovviamente). Nell’occupazione precedente infatti non ho mai avuto problemi. Ora in questo nuovo contratto l’azienda non ha accettato il calendario ferie ed ha risposto che le ferie vanno rilasciate di una sola settimana facendole partire dal mercoledì e finire di mercoledì. Le premetto che non siamo sotto organico e i periodi tra colleghi sono stati calcolati separati, nonchè i turni di lavoro resterebbero comunque coperti proprio perchè abbiamo applicato la “regola” della turnazione. Tuttavia la sede aziendale continua ad imporre una sola settimana. Cosa mi consiglia?, Grazie attendo una sua risposta, Ale.

    • Buongiorno Ale. La legge impone al datore di lavoro di non poter frazionare le ferie annuali in più di due periodi. Per il resto le ferie vanno prese compatibilmente con le esigenze dell’azienda ma contemplando le esigenze del riposo psico fisico del lavoratore. Il consiglio è quello di organizzarsi con i suoi colleghi e creare le condizioni per esercitare un rapporto di forza che le consenta di “contrattare” un piano ferie che tenga conto di entrambe le esigenze. un saluto.

  53. Elisabetta Graziani

    buongiorno volevo sapere se è possibile quanti giorni di ferie , permessi e ferstivita soppresse spettanti mensilmente con un contratto servizi a tempo indeterminato part time lunedi /venerdi di 0re 2.45 e di 4 ore.

    Grazie

  54. buonasera sono stati per errore date delle ferie in piu. cosa bisogna fare?

  55. Buongiorno, è consentito al datore di lavoro compensare tra loro ore di straordinario con ROL ?
    Mi è capitato di effettuare 10 ore di lavoro straordinario, ma poi vederne pagate 6 perché avevo preso un pomeriggio di permesso per 4 ore….
    Grazie.

  56. La ringrazio, e se gli straordinari sono stati fatti in una settimana diversa da quella in cui si è usufruito del permesso, tale compensazione è ancora possibile? Grazie

  57. per un lavoratore che per esigenza personale ha bisogno di 3 o 4 giorni di ferie, con quanti giorni di preavviso deve dare comunicazione all’azienda perchè gli vengono concesse.

  58. Salve, le spiego la mia situazione e spero di essere il più chiaro possibile.
    sono l’unico dipendente di un punto vendita , ho contratto commercio a tempo indeterminato ottenuto dopo un contratto di apprendistato di 4 anni.
    In busta paga mi vengono contate 8 ore al giorno dal lunedì al venerdì e 4,5 il sabato, in realtà però lavoro mezzora in più ogni giorno. Quando sono in ferie invece in busta paga (le ferie sono contate ad ore) mi appaiano 7 ore al giorno di ferie godute e retribuite. La conclusione a cui sono arrivato è che 7 ore al giorno di lavoro sono quelle stabilite dal contratto e 1 ora in più mi viene retribuita come straordinario(presente in busta) , anche se in realtà ne faccio 1,5 in più, e durante le ferie me ne vengono retribuite 7.
    Intanto potrebbe dirmi se è giusto il calcolo e come posso tutelarmi lavorando di fatto più di quanto mi viene riconosciuto in busta?

    Secondo problema, dopo i primi mesi ,durante i quali in busta apparivano le ferie maturate e quelle restanti da utilizzare, il datore di lavoro ha smesso di scriverle. Può farlo ?
    in busta paga non compaiono neanche i permessi maturati o a cui ho diritto, cosa succede se non si usufruisce mai dei permessi?

    In passato ho dovuto tutelarmi contattando l’inps e spedendo certificato medico ogni volta che ho avuto bisogno di qualche giorno di malattia perchè precedentemente era successo che in busta mi segnassero come ferie i giorni di malattia.
    con l’inizio del nuovo anno mi ha ridotto le ore lavorative effettive di mezzora ma anche le ore retribuite in busta, mantenendo quindi la differenza di mezzora a mio sfavore non pagata. Può decidere in qualsiasi momento come cambiarmi orario lavorativo o se farmi fare straordinari o meno?
    ultima cosa, non ho mai goduto di tutte le ferie spettanti negli anni precedenti e mai mi sono state pagate quelle rimanenti.
    Insomma la situazione non è delle migliori , io sono l unico dipendente , il lavoro mi serve e sono stato costretto a sopportare un pò di tutto. Cosa mi consiglia di fare per tutelarmi ? grazie

  59. Buongiorno,lavoro in una catena Discount da 8 anni,con contratto part-time a 24 ore settimanali,a tempo indeterminato.ho chiesto in anticipo due giorni di permesso Lunedì e martedì,la responsabile mi ha detto che non ci sarebbero stati problemi.Ieri mi ha comunicato al telefono che ha deciso di mettermi in ferie tutta la settimana,tenendo conto che ne ho appena fatta una 15 giorni fà,vorrei gentilmente sapere dato che nei due giorni che avevo chiesto di permesso se posso assentarmi da casa e se loro dovessero chiamarmi x farmi rientrare al lavoro ,se posso rifiutarmi dato che sono via.

    Ringrazio anticipatamente per la risposta .Distinti saluti Claudia.

  60. Salve. Lavoro in un grande centro di distribuzione con più di 600 dipendenti. Ho il contratto di commercio e maturo 26 giorni all’anno di ferie. Lavoro 5 giorni a settimana da lunedì a domenica con 2 giorni di riposo a rotazione. Se mi prendo un solo giorno di ferie mi scalano 1,2 giorni dalla busta paga. È corretto? Grazie

  61. Salve Francesco
    Per i contratti di lavoro intermittente (settore turismo nello specifico) come si calcolano il numero dei giorni di ferie a cui si ha diritto?
    Grazie in anticipo

  62. Salve Francesco, vorrei chiedere se un dipendente chiede 2/3 giorni di ferie residue 2016, quanto tempo prima deve avere la risposta Si o No dal suo Capo? Lo stesso anche per le ferie in generale? Per 5 giorni di ferie quanto tempo prima può avere la risposta? (Il discorso è che se uno vuole comprare un biglietto in anticipo….dovrebbe avere una conferma, no?) grazie mille

    • Buongiorno Angela, purtroppo non è specificato un tempo contrattuale entro il quale avere una risposta. Dipende dai rapporti di forza presenti in azienda.

      • Buongiorno Francesco, infatti, immaginavo che fosse così. Io lavoro da 17 anni sempre nella stessa azienda e il discorso ferie non mi è mai stato chiaro. Grazie mille per la sua risposta.

  63. Buongiorno, sono un impiegata di IV livellocon contratto indeterminato a 40 ore/sett commercio. Causa rischio aborto sono rimasta a casa per maternità anticipata a movembre 2015 ed ora vorrei tornare al lavoro .la bambina ha 7 mesi. Il datore di lavoro viste le ferie (ad ora 30 gg tra ferie e permessi ) mi obbliga a stare una sett in ferie e rientrare poi facendo solo 4 ore. Utilizzando quindi due ore fi ferie ogni gg fino se compimento Dell anno della bimba. Inoltre mi obbliga a lavorare di pomeriggio dalle 14 alle 18 .causa copertura pomeridiana ( c’è solo una collega , le altre Dell ufficio hanno altre mansioni) . Beh ma in 15 mesi di mia assenza hanno coperto con la dispo di tutte…volevo sapere se loro possono obbligarmi a godere di tutte queste ferie in questo modo è se c’è la possibilità di lavorare almeno la mattina .grazie

    • Buongiorno, l’azienda può chiederle di smaltire e ferie arretrate ma non in quel modo. Per i turni l’azienda non può discriminarla nei confronti dei suoi colleghi, quindi deve prevedere una rotazione equa.

  64. Buongiorno Francesco,
    Lavoro nel commercio, part time 18 ore.
    Ho chiesto una settimana di ferie, e sono rimasta a casa sette giorni pieni, tuttavia il monte ore lavorate non è cambiato: la settimana scorsa ho lavorato 24 ore e mezza, dal lunedì al venerdì. Sono rimasta a casa da sabato fino a ieri. Lavoro questo fine settimana per un totale di 11 ore.
    Secondo Lei ho effettivamente goduto di ferie, o si è trattato di un riposo lungo? È lecito che è il datore di lavoro mi permetta di stare a casa, ma che contemporaneamente non mi faccia fare un’ora di meno rispetto al contratto?
    Mi scuso se scrivo sotto ad un post tanto datato, ma non ho avuto riscontri altrove.

  65. Gentilissimo, sono un’impiegata V livello commercio part time al 50% (20 ore/settimana). Il 31 marzo mi scadrà il contratto (rinnovato di 6 mesi ad Ottobre 2017; avevo iniziato presso questa azienda nell’aprile 2016 con contratto di 6 mesi, che appunto mi era stato rinnovato…). Circa 2 settimane fa il mio capo mi ha anticipato di volermi far “smaltire” le ferie arretrate prima della scadenza del contratto. Controllando la busta paga di Gennaio, vedo: 14,67 giorni di ferie residue + 8,33 ore di permessi.
    In più, rimanendo ore extra al lavoro, avrei anche 17 ore accumulate (4,25 giorni).

    In totale, facendo i vari calcoli tra ore e giorni, mi risulterebbe che fino ad adesso (stando alla busta paga di Gennaio) ho 21 giorni (ho già calcolato le 17 ore extra).

    Considerando che Marzo ha 23 giornate lavorative, mi saprebbe già dire di quanto maturano le ferie e i permessi nella busta paga di Febbraio e quindi poi di Marzo? Perchè i miei datori di lavoro mi hanno già chiesto se una giornata (6 marzo) posso garantirgli la presenza di tutto il giorno… Se non esaurisco tutte le ferie, come me le dovranno pagare?

    Grazie mille in anticipo!

  66. Buongiorno sig. Iacovone,
    approfitto della sua gentilezza per porle un quesito.
    Ho un contratto di apprendistato 4 livello Commercio (lavoro 5 giorni x 8 ore) e da contratto dovrei avere 26 giorni lavorativi di ferie, facendo i calcoli dovrei maturare 2,166 giorni di ferie al mese.
    Guardando le mie buste paga invece risulta che ne maturo 1,81 al mese, maturando complessivamente in un anno 21,8 giorni di ferie.
    Leggendo i commenti sopra sembra che sia possibile questa cosa (22 giorni invece di 26) ma non capisco il motivo, visto che quando prendo le ferie che comprendono un weekend mi viene comunque addebitato anche il sabato.
    Mi potrebbe dare una spiegazione?
    Grazie in anticipo.
    Carlo

  67. Buongiorno, lavoro nel settore commercio come impiegata. Ho contratto a tempo indeterminato e lavoro 8 ore al giorno (da lunedì a venerdì). Se dovessi stare a casa un giorno per malattia, con certificato medico, mi viene calcolato come giorno di ferie?
    Grazie.

  68. Salve,
    Lavoro come colf/collaboratrice domestica 5 giorni a settimana per 6 ore. Da contratto ho 26 giorni di ferie, ma il mio datore di lavoro mi scala da questi 26 giorni, i giorni in cui lui e la sua famiglia partono in vacanza e quindi io effettivamente non lavoro. Con il rischio di non trovarmi più giorni disponibili per le ferie, come posso comportarmi?

  69. Silvio Morabito

    Buongiorno, vorrei sapere quali sono i casi in cui si possono ottenere più giorni di ferie di quelli previsti dal contratto (ccnl metalmeccanico). Per motivi personali sarei anche disponibile a contrattare una riduzione dello stipendio con pari aumento del numero di giorni di ferie (ad es. 2000 euro di RAL in meno l’anno e 15 giorni di ferie in più) ma non so se sia possibile. Purtroppo ho necessità di più tempo libero ma non per questo ovviamente posso lasciare il lavoro.

  70. Ciao sono una commessa con contratto part-time misto di 30 ore settimanali a tempo indeterminato assunta ad ottobre 2016 nel mese di febbraio ho usufruito di 6 giorni di ferie. Prima di presentare la programmazione delle ferie estive il titolare del negozio vuole obbligarmi ad andare in ferie nei primi giorni di aprile dandomi comunicazione a distanza di una settimana dal momento della fruizione.
    Adesso io mi chiedo:
    Può obbligarmi ad andare in ferie?
    Ho maturato le ferie stando ai mesi lavorati?
    Deve intercorrere un preciso tempo di comunicazione prima di mandare un dipendente in ferie?
    Posso rifiutarle?
    Deve verbalizzare le ferie con una lettera firmata e timbrata?
    Grazie in anticipo

  71. Salve ,sono un’operaio do 37 anno lavoro in una azienda agroalimentare,ogni hanno danno il piano ferie,a me ad esempio hanno dato il piano ad inizio febbraio e con una crocetta fatta a penna ho segnato i giorni di ferie scelto ,possibile che il datore di lavoro senza dirmi niente mi neghi le ferie segnate ?grazie distinti saluti

    • Buongiorno, per esigenze tecnico organizzative e produttive le ferie le possono essere negate, come al solito la vera differenza è fatta dalla forza contrattuale che riesce ad imporre assieme ai suoi colleghi di lavoro.

  72. Buongio! E posibile che il datore di lavoro mi paga le ferie dopoho il mio ritorno al lavoro grazie scusate la gramatica sono, straniera dicono che fanno cosi per laun loro sigureza che il personale torna a lavoro dopo lele ferie, ho se vorei dimisionare io devo pagare le tasetasse all stato it? Grazie

  73. Buongiorno, sono da poco stato assunto in una azienda con contratto CCNL del commercio. Ho visto che non maturo ROL in busta e questo per il famoso blocco dei primi due anni.
    Mi chiedevo però dove fossero finite le 32 ore di ex-Festività. La mia azienda mi ha risposto che:
    [Cit.]
    Le ferie vengono conteggiate in 26 giorni lavorativi, considerando il lavoro settimanale di sei giorni lavorativi dal lunedì al sabato, quindi visto che la nostra settimana è composta da 5 giorni (lunedì-venerdì), i giorni effettivi di ferie sono 22.
    Per maggior favore, l’azienda ha deciso di aggiungere le 32 ore di ex-Festività nelle ferie, quindi le ferie sono di 26 giorni effettivi dal lunedì al venerdì.
    Per maggior certezza ti ho allegato anche il cedolino di marzo, vedrai che i gg. INPS sono 26 gg.
    [Fine Cit.]
    A questo punto la domanda…stanno facendo le cose in regola?
    Se io prendessi due settimane di ferie mi verranno scalati 10 giorni come riterrei corretto o 12?

    Grazie

  74. BUONGIORNO, POTREI SAPERE SE POSSO CHIEDERE UNA SETTIMANA DI FERIE PER FINE APRILE ESSENDO GIA’ AL 4 DI DETTO MESE? C’E’ UN LIMITE DI TEMPO PER LEGGE ENTRO IL QUALE DEVO RICHIEDERLE?

  75. Buongiorno Francesco.
    Lavoro part time da lunedì a venerdì 25 ore settimanale come colf e se prendo le mie ferie spezzate cioè una settimana a maggio un’altra ad luglio ecc mi vengono scalate solo 5 giorni e non contano sabato ma se prendo le ferie tutto un mese lí si che contano anche il sabato…è possibile? Lo possono fare? Ho un contratto a tempo indeterminato.
    Grazie per la risposta e buona giornata.

    • Buongiorno Mary, delle due l’una: o il suo divisore convenzionale è 22 e di conseguenza le scalano sempre 5 giorni alla settimana oppure è 26 e le scalano sempre 6 giorni alla settimana. Il totale deve corrispondere a 26 giorni di ferie l’anno effettive.

  76. Buongiorno
    Sono operaio in una compagnia aerea turnista 7gg h24,
    Se chiedo ferie per esempio dal 30/4 al 2/5, il primo maggio mi viene calcolato giorno di ferie quindi scalato oppure calcolato come giorno festivo senza intaccare le ferie? Qual è la normativa di riferimento?
    Grazie

  77. Buongiorno Francesco, io lavoro in un albergo contratto turismo indeterminato , volevo sapere da te se e possibile mettersi in malattia mentre si è in ferie ?si perdono le ferie o rimangono ? Grazie

  78. salve,io lavoro in poste e spesso mi viene chiesto di programmare giorni di ferie singoli(uno alla settimana)e contemporaneamente mi viene negata qualsiasi richiesta da parte mia di giorni di ferie consecutivi a parte le 2 settimane estive obbligatorie. E’questa condotta legittima?
    grazie

  79. Buona sera ,
    Io lavoro in un centro commerciale che rimane aperto al pubblico 12 ore al giorno 7 su 7. Siamo 3 ragazze, la responsabile di 40 ore , la vice di 30 ore e io di 20 ore che sono a tempo determinato.
    Il mio contratto scade a maggio e non so sé mi verrà rinnovato,a febbrai ci è stato chiesto di mettere giù un piano ferie per tutto l’anno , le mie colleghe l’hanno messo giù visto che sono a tempo determinato a me invece è stato detto che dovevo metterle e farle entro la scadenza del contratto ( maggio )e ci sono state confermate a fine marzo.Sé per caso mi verrà rinnovato il contratto volevo fare una settimana per delle mie necessità e per far coincidere con il mio compagno una settimana che ha preso la mia responsabile e che sapeva che mi serviva.
    Mi è stato anche detto che le ferie confermate non si possono più cambiare e che sé mi verrà rinnovato il contratto mi dovrò fare le settimane che restano e che a me non interessano.
    La mia domanda è: sono costretta a fare le ferie che non mi interessano?? Posso impormi sulla settimana della mia responsabile perché mi serve?? Poi è giusto che sia sempre la responsabile a scegliere per prima solo perché fa più ore??
    Grazie.

    • Buongiorno, in teoria lei non potrebbe essere costretta a fare le ferie che non le “interessano”, ma non può nemmeno imporsi sulla settimana della sua responsabile. In pratica tutto questo avviene perché lei ha un contratto precario e i rapporti di forza sono tutti dalla parte datoriale.

  80. buongiorno, sono Adele sono un coolaboratore scolastico di 3 fascia e lo scorso anno ho conservato 10 giorni di ferie, ma poi mi hanno chiamato per una supplenza subito nel grado superiore quindi mi sono dovuta portare le ferie non godute nell’attuale scuola dove sono a TD fino al 30 giugno, vorrei sapere 2 cose: possousufruire delle ferie dell’anno scorso pernon perderle????? Poi : quante ferie ho maturato da ottobre a giugno facendo la settimana di 5 giorni con orario: 7,30-14,10 su 4 giorni, e: 7,30-16,00 per i restanti giorni. Grazie e saluto cordialmente.

  81. Salve!
    Sono stata assunta il 1 aprile come commessa a 40 ore con contratto a tempo determinato sono al 30 di settembre.
    Il negozio è in una località molto turistica con turni spesso fino a mezzanotte. Ho richiesto ai colleghi se era possibile avere un giorno di ferie da unire al mio giorno libero, ma loro sostengono che essendo assunta per la stagione cio’ non è possibile, perché secondo loro deciderà l’azienda se e quando farmi fare le ferie. Hanno ragione oppure è un mio diritto chiedere alla retail manager un giorno libero? (Per giunta infrasettimanale?)

  82. Salve, sono in astensione per maternità obbligatoria (con CCNL studi professionali, CONSILP); sto maturando le ferie solo al 20% e mi è stato spiegato che con il nostro contratto è corretto così: volevo chiedere cosa ne pensa? Grazie.

  83. Buongiorno,
    io lavoro dal 2003 con un C.C.N.L. AUTOTRASPORTI E SPEDIZIONI prima full time 40 ore settimanali dal Lunedì al Venerdì poi da un anno a questa parte part – time dal Lunedì al venerdì per 34 ore settimanali. Premesso che le 4 festività soppresse ci vengono retribuite in busta paga, oggi mi dicono che le mie ferie non sono 26 gg. lavorativi ma bensì 22 gg.
    Volevo una sua considerazione in merito.
    Grazie

  84. Buon giorno, siamo stati acquisiti da un’altra società passando dal contratto Commercio al Metalmeccanico.
    Ci è stato detto che maturiamo 2 giorni al mese di ferie x 12 mesi = 24 gg mentre ci vengono conteggiati e detratti dal monte ferie 1,2 giorni per ogni giorno di ferie goduto.
    In questo modo però maturiamo 24 gg e ce ne trattengono 28,8.
    Riesce a spiegarmi?
    La ringrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti
    Paola Lazzano

    • Buongiorno, con il cambio di contratto le è probabilmente cambiato il divisore convenzionale che è passato da 26 a 22. Il risultato non cambia e lei matura e fruisce 26 giorni di ferie effettive.

      • Buon giorno e grazie per la risposta. Quello che non mi è chiaro è che da inizio anno ho fruito di 7 giorni di ferie e sul cedolino alla voce Ferie Godute è scritto 8,40 (quindi divisore conv. 1,2), mentre alla voce Ferie Maturate nei 4 mesi è scritto 8. Come verifico di aver maturato i 26 giorni effettivi di cui mi parla? Grazie ancora per la sua pazienza e disponibilià

  85. Alessandro Bellinzoni

    Buongiorno,
    Mi ritrovo nella spiacevole situazione di Rol in negativo per un totale di – 400 ore. Parzialmente ne ho usufruito io mentre per la maggioranza sono stato costretto a staccare prima, (ma non penso di avere testimoni a mio favore perché sono tutti dipendenti che temono di mettersi contro l’azienda e di perdere il lavoro) . Il mio monte ferie però é di 40 giorni. Sono passato da 30 a 24 h settimanali con retribuzione lorda di 7,73€ all’ora. Un mio giorno di ferie vale 30,71€ quindi andrei ad equiparare solo 1228 € contro un totale di 3092€. Ho chiesto anche le 150h di permessi studio ma ancora non me le hanno accreditato. È legale quello che mi stanno facendo? Posso fare vertenza all’azienda? Io non voglio rimetterci i soldi della liquidazione ma non mi danno modo di recuperare i rol e non posso permettermi un avvocato. Grazie per l’attenzione. Alessandro.

  86. Buongiorno, lavoro per un azienda Slovena con sede in Italia. Faccio un part time orizzontale con flessibilita’, quindi lavoro 4giorni a settimana distribuiti su 2giorni x6ore, 2giorni x 4 ore. Ho il contratto dal 21.3.2017. Questo mese in busta paga ce scritto che ho accumulato 6 ore di ferie. Possibile,? In un mese e mezzo 6 ore di ferie?

  87. Salve,ho iniziato a lavora 1 nov 2016 ccnl. De colf; ho preso 7 gg de ferie quando mia figlia stava male,adesso vorrei partire al mare 20gg a luglio , è il mio dattore di lavoro dice che solo ne ho 7 gg, che altri giorni no me vedrano pagate,ho quiesto se potevo anticipare perche io a Novembre non vado da nessuna parte, che me serve adesso, a detto NON SE PUO !!
    Allora a detto posso partire ma sero pagata solo 7gg e altri no, e li sospende el contratto tra noi e non maturo ferie ni tredicesima, che lui solo paga i contributi!@
    Domanda, lui me puo anticipare le ferie pagata??

  88. Buongiorno Francesco,
    ho un contratto a tempo indeterminato a part-time verticale 70%, dal lunedì a mercoledì.
    l’ azienda ha annunciato di chiudere una settimana ad Agosto
    volevo sapere se di quella settimana mi dovrebbero essere scalati dal mio monte ferie 3 giorni (gli effettivi in cui lavorerei) oppure tutti i 5 giorni della settimana?

    grazie in anticipo

  89. Buongiorno,ho un contratto a tempo indeterminato settore turismo e darò le dimissioni breve,vorrei sapere se le ore di permesso e le ferie non maturate debbano essere pagate nell’ultima busta paga per legge o altrimenti con quali tempistiche vengano pagate.

  90. Buongiorno, vorrei sottoporle la mia problematica con la mia attuale azienda:
    lavoro come dipendente con contratto indeterminato c/o una società di servizi nel ramo della depurazione Contratto del Commercio. in data 26/06 ci hanno comunicato che la società rimarrà chiusa dal 14 al 18 Agosto senza la possibilità di prendere ferie nel mese di Settembre; il mio problema è che ho prenotato da Aprile il viaggio in USA dal 23 Agosto al 8 Settembre (prenotando voli, macchina, hotel etc.) vorrei sapere se la società ha il diritto di non approvarmi le ferie (anche se ritengo che non sono state comunicate per tempo) e a quali sanzioni potrei incorrere se non dovessi rispettare il periodo di ferie stabilito dalla società.
    La ringrazio anticipatamente
    Cordiali saluti

    • Buongiorno, purtroppo la società può non approvare le ferie se ritiene sussistano ragioni tecnico, organizzative e produttive sufficienti. Nel caso in cui lei non prendesse servizio rischierebbe un’assenza ingiustificata e le relative sanzioni.

  91. Salve,volevo capire una cosa.
    Sembra che nessuno in rete sia disposto a distinguere cosa significa andare in ferie.
    Io ad esempio non capisco se le ferie fatte a casa sono pagate? godute? usate?
    Bho?
    Io faccio parte di un’azienda di ristorazione scuole,quindi dal 1 luglio a metà settembre sto a casa SOSPESO dal lavoro,ma sempre sotto contratto (part time).
    Ora come ora però mi ritrovo con ben 32 giorni di ferie da smaltire.
    Con la ditta precedente con le ferie “avanzate” a fine stagione scolastica mi ci coprivo tutto (o quasi) il mese di luglio,quindi mi venivano pagate…con la ditta attuale invece pare che una cosa del genere non si possa fare!
    Qualcuno mi sa dire se l’azienda puo fare una cosa del genere?

  92. Buongiorno,
    due quesiti veloci:
    – mi hanno detto che per assenze concordate fino a 4 ore posso scalarle dai permessi, a partire dalle 4 ore invece devono obbligatoriamente essere ferie, è vero?
    – come a tanti anche a me è stato chiesto di smaltire delle ferie arretrate (benché poche), pena una “sanzione” ai danni dell’azienda e anche del lavoratore. Esiste davvero questa sanzionabilità? O si tratterebbe di tassazione su giorni di ferie che se non goduti dovrebbero essere monetizzati?
    Grazie mille in anticipo
    Jonathan

  93. Salve,
    C’ho 2 voci di ferie….quella che dice ferie maturate e quell’altra dice ferie residue.
    La mia domanda é; le ferie residue, cosa vuol dire? Posso usarle come ferie nel mese di settembre?
    Grazie

  94. Salve sono Mirella lavoro un giorno a settimana di mercoledi matina per 4 ore in un negozio e altri giorni in un albergo. La mia domanda e quanti giorni di ferie posso prendermi al negozio .? E i giorni di ferie sono di mercoledi?
    grazie

  95. Buongiorno, sono l’unica impiegata di una cava e discarica da circa 14 anni full time 40 ore su 5 gg a settimana.
    Ho accumulato dagli anni precedenti 18 giorni di ferie e 18 giorni di permessi oltre ai 10 giorni di ferie e 5 di permessi di quest’anno.
    Il mio titolare puntualmente decide solo lui le ferie (mai più di 3 settimane l’anno di solito) ed inoltre ce lo comunica con pochissimo anticipo, tipo 15 giorni e tutto ciò rende difficile organizzarci ( a me e 2 operai).
    Inoltre essendo l’unica impiegata e avendo degli adempimenti di discarica da svolgere per legge ogni 2 giorni lavorativi lui potrebbe appellarsi ad esigenze tecnico produttive per non darmi le ferie se non quando chiude la ditta ( o quando lo decide lui).
    Io non so come far valere i miei diritti, già solo prendere mezza giornata di permesso è problematica però non è colpa mia se sono l’unica impiegata.
    Va detto che altri anni se avanzavano giorni di ferie o permessi mi sono stati fatti fare facendomi lavorare 7 ore al giorno al posto di 8 per svariati mesi. Ora han preso l’abitudine di tenere da parte questi giorni nel caso in un futuro indefinito avessero cali di lavoro al posto di farmi fare cig farebbero prima usare le mie ferie.
    Ma io ho il bisogno di riposarmi e staccare la spina.
    come fare? E’ giusto che si riducano anche sempre all’ultimo a dirci le ferie? Le mie esigenze essendo l’unica impiegata e quindi insostituibile devono essere messe in secondo piano?

    • Buongiorno Paola, quanto descritto è assolutamente irregolare e frutto di un rapporto di forza squilibrato. Per esigere i tuoi giusti diritti dovresti organizzarti con i tuoi colleghi per riequilibrare i rapporti di forza.

      • Purtroppo i miei colleghi, essendo in due si possono intercambiare e a loro non interessa più di tanto fare tutte le ferie ( o permessi) in un anno perché poi glieli paga la cassa edile. Fanno anche 100 ore di straordinario al mese da anni senza batter ciglio e fan passare me che non faccio straordinarie come una che non lavora in pratica.
        Non saprei proprio come farmi valere.

  96. salve volevo un informazione io ho 4 settimane di ferie ,3 obbligate ad agosto piu i ponti quindi non ho nessun giorno per me ,posso lamentarmi con il datore di lavoro o non posso fare niente ,e si puo pagare 5 giorni tutti gli anni con permesso non retribuito

  97. Sono Impiegata part time, lavoro al mattino. Il mio datore di lavoro ultimamente mi fa stare a casa avvisandomi con messaggi WhatsApp la sera prima, argomentando che le serve fare andare al mattino la Impiegata del pomeriggio per contabilità urgente. Nell’ultimo mese mi ha fatto fare 16 gg di ferie “improvvisate”. Io ho due bambini piccoli e le ferie mi servono anche per rimanere a casa durante le pause scolastiche. Mi sembra di avere capito da i messaggi precedenti che il comportamento del mio titolare è irregolare. Chiedo conferma e come dovrei comportarmi. E se finisco tutte le ferie e permessi e ne ho bisogno ancora? Posso esigere che mi lascino recuperare le ore di ferie che mi hanno costretto a fare. Vi ringrazio anche perché sono in ansia per il posto di lavoro. Non mi sembrano giustificate le mie assenze e temo che vogliano lasciarmi casa.

  98. buondì
    il mio contratto prevede 5 giorni lavorativi settimanale
    ho chiesto 10 giorni di ferie e me ne sono stati scalati altrettanto
    la mia domanda è…
    vanno considerati i giorni di riposo anche durante il periodo di ferie?
    c’è qualche norma di riferimento?

  99. Buongiorno Sig. Francesco

    nel mese di agosto mi sono stati dati 14 giorni di ferie ( avendole maturate)
    le chiedevo quanti riposi rimangono di diritto nel mese
    questo mese faro’ 14 giorni di ferie pero’ ho solo 3 giorni di riposo

    sono impiegata 3 livello tempo pieno ( settore turismo)
    è normale?

    la ringrazio buona giornata

    • Buongiorno, riposi e ferie non sono strettamente correlati. I suoi riposi servono ad interrompere l’attività lavorativa dopo i 6 giorni. Se questa condizione è rispettata la sua azienda è in regola.

  100. Salve,
    Sono stato assunto ad inizio giugno in azienda con contratto 3 livello CCNL metalmeccanica, l’azienda chiuderà due settimane ad agosto per ferie, tali settimane mi verranno pagate lo stesso o non avendone maturate tale ammontare non mi aspettano ?

  101. Buon giorno
    sono una lavoratrice part time orizzontale, oggi mi sono sentita dire dal mio datore di lavoro che non è un problema suo se lui , chiudendo un mese, fa andare me “sotto” con le ferie
    Ho chiesto di poter lavorare (sono in ufficio) almeno un paio di ore ad agosto, ma lui ha detto che non gli interessa. In sostanza, nonostante io non stia mai a casa durante l’arco dell’anno, se lui decide di chiudere anche per i ponti, io finisco sempre “sotto” con le ferie
    E’ corretto?

  102. Salve
    A causa di un battibecco in azienda, per giusta causa non ritengo più di continuare il mio rapporto di lavoro non oltre il mese di agosto
    L’unico ostacolo, sono appena 3 giorni che sono in ferie
    In che modo posso rassegnare le mie dimissioni?

  103. Buongiorno, ho un contratto a tempo indeterminato con una cooperativa sociale.
    Essendo in malattia da 3 mesi causa intervento chirurgico e rientrando direttamente a lavoro il primo di settembre non usufruirò delle ferie maturate i mesi scorsi. Vorrei avere qualche informazione riguardo i diritti sull’utilizzo di suddette ferie e le eventuali “scadenze” prestabilite (es. anno solare, etc). Ho cercato in internet ma ho trovato moltissime informazioni discordanti. Grazie

  104. INFO FERIE CCLN COMMERCIO
    Buon pomeriggio,
    le chiedo gentilmente di chiarire ancora una volta la questione Ferie/Commercio in quanto i conti proprio non mi tornano. Le spiego il perché: lavoro in un’ azienda 8 h/gg lunedì – venerdì (il sabato è chiusa) – il contratto collettivo dispone 26 gg di ferie annui – in automatico se prendiamo un giorno di ferie il venerdì ne vengono scalati 2, così come le ferie lun/ven valgono 6 giorni di feerie anzichè 5.
    Cosa accadrebbe se io avessi bisogno di stare a casa per 20 venerdì in un anno (legittimo visto che il contratto dispone 26 gg in un anno)? Mi verrebbero scalati 40gg, praticamente le ferie di quasi due anni?!
    Spero tanto di non aver compreso le modalità di calcolo e di scomputo delle ferie – diversamente questa è una situazione ingiusta e intollerabile a cui porre rimedio –
    Mi auguro che possa darmi un amano a comprendere.

  105. Massimo Bedetti

    Salve,
    intanto complimenti per le risposte che dai perchè sono semplici da capire….
    ne approfitto per chiederti se è vero che con il passare degli anni nella stessa azienda (nel mio caso metalmeccanica) i giorni di ferie aumentano, esempio se un dipendente è più di 20 anni (metto un periodo a caso) nella stessa azienda gli spettano più giorni di ferie, questo sapevo fosse per gli impiegati, ma non per gli operai, confermi???
    o sono favole e chiacchiere da bar????
    grazie e ancora complimenti

    • Buongiorno e intanto grazie, i giorni di ferie sono uguali per tutti. A volte i contratti di secondo livello possono concedere condizioni di miglior favore ma le ferie sono le stesse per tutti a prescindere dall’anzianità di servizio

  106. Buongiorno Francesco, mi trovo registrato questo mese in cedolino un giorno di ferie goduto il cui importo è stato “annullato”, nella riga sottostante, calcolandolo come fosse un giorno di assenza, e quindi tale importo è stato trattenuto, dando di fatto valore alla ferie goduta uguale a zero. è corretto? in sostanza non ho ricevuto il pagamento del giorno di ferie in busta paga. Grazie in anticipo per l’aiuto, Marco

  107. Buongiorno, avrei una domanda.
    Ho lavorato per 1 anno e mezzo quasi presso un azienda con un contratto full time. nel mese di agosto sono passato a contratto part time. Adesso che devo andare in ferie, come devo conteggiarle? una settimana di ferie maturate in full time mi valgono per 14gg part time? oppure mi verrà conteggiata 1gg di ferie pari ad un giorno di part time?

  108. Ciao volevo solo sapere, io il mese sempre di agosto ho sempre lavorato eh faccio collaboratrice fam,ma io ho diretto che mi pagano doppio?? Da otto anni che ho sempre lavorato sempre anche di agosto. Mi poui aiutare pls. Grazie.

  109. Buonasera, io sono stata assunta il 20/04/17 con periodo di prova di 6 mesi ed ad agosto ho fatto le ferie anche perchè l’azienda chiudeva. Domanda: il periodo di prova scadrà il 20/10/17 o dopo per le ferie?
    Grazie e buona serata
    Valeria

  110. Buongiorno,
    avrei bisogno di un chiarimento. Sono assunto come impiegato a tempo indeterminato dal novembre 2016, lavoro 40 ore settimanali su 5 giorni.
    ho notato che ogni mese maturo solo 14,66 ore di ferie. Il mio dubbio è che essenedo le ferie annue di 26 giorni dovrebbero essere uguali a 208 ore (26 gg x 8 ore di lavoro giornaliero)
    dovrei fare 208:12 mesi = 17,33 ore al mese maturate
    Sto sbagliando?

    Grazie

  111. Buonasera, io volevo chiedere cosa può succedere quando si ha hai usufruito di tutte ferie decise dal datore di lavoro e sei a -16 giorni di ferie? Contratto indeterminato part-time 32 ore alla settimana. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.