Home / Attualità / Torino e Pisa. Morte al supermercato, ma gli acquisti proseguono
donne morte supermercato

Torino e Pisa. Morte al supermercato, ma gli acquisti proseguono

Perché poi ci sono quegli eventi drammatici che avrebbero bisogno di essere vissuti con rispetto e umanità, ma la scorsa settimana non è successo. Affatto. Ancora due donne morte dentro un supermercato, un lenzuolo bianco che le nasconde ai clienti e avanti con la spesa quotidiana: the shopping must go on. E L’avvenire – il quotidiano di ispirazione cattolica – a firma di Lucia Bellaspiga, fa il miglior sunto di queste tragedie…

Due donne hanno perso la vita in due diversi store, che però non hanno chiuso nemmeno per il tempo necessario a rimuovere i corpi: gli acquisti sono proseguiti aggirando il lenzuolo bianco

“Nessun uomo è un’isola. E neanche un supermercato lo è”, recita la pubblicità di una nota catena (non implicata nei fatti che racconteremo). Una grande famiglia, insomma… L’esatto opposto di quanto avvenuto i giorni scorsi in due diversi store in Piemonte e in Toscana, dove tra cibarie e detersivi è andata in scena la morte e la merce più rara è stata la pietà.

Rivarolo Canavese, in provincia di Torino, sabato 31 agosto. Anna, 74 anni, entra all’Eurospin accompagnata dal figlio. Sono le 10 del mattino quando varca la soglia e la porta automatica le si richiude alle spalle, come un monito. Uno spasmo, il cuore che si spacca e la donna cade a terra senza vita. Non è un’isola un supermercato, ma qualcosa bisogna pur fare per non interrompere il mare di clienti, così si trova il compromesso: un telo bianco a coprire il fatto increscioso della morte e i prossimi acquirenti entreranno dall’uscita. Tutto risolto? Non proprio, perché nei supermercati frutta e verdura sono esposte all’ingresso, così quell’andare e venire di clienti, tra veri acquisti e troppa curiosità, si è aggirato per un’ora intorno al corpo, il tempo necessario all’autorità giudiziaria per farlo rimuovere. Invano qualcuno ha chiesto quell’ora di chiusura – fa sapere il rappresentante sindacale della Fisascat Cisl –, «la proprietà ha detto che non si poteva». Il tempo è denaro, lo shopping ‘must go on’.

In quel momento erano già 24 ore che alla periferia di Pisa giaceva su un altro pavimento il corpo di una giovane donna, trovata morta solo domenica primo settembre nei bagni dell’Unicoop, ma sparita nel nulla due giorni prima. A denunciarne la scomparsa era stata la madre, preoccupata che la figlia fosse ricaduta nella droga da cui era uscita da tempo, e si fosse sentita male chissà dove… Un vero giallo che solo l’autopsia saprà spiegare, perché in realtà la ragazza non presentava segni di violenza e accanto a lei nessuno oggetto faceva pensare all’uso di sostanze stupefacenti: l’ipotesi più probabile resta quella di un malore.

Fatto sta che a sentire i dipendenti quel bagno risultava bloccato da venerdì, ma nessuno si era premurato di controllare all’interno, «ci si è limitati a mettere un cartello di mal funzionamento». È stato un addetto alla sicurezza domenica mattina a guardare sotto la porta e vedere nella fessura il corpo inanimato…

«Sdegno e rabbia» denunciano anche qui i Cobas «perché è il secondo supermercato in due giorni che apre la vendita al pubblico con una persona sotto un lenzuolo bianco. Il consumismo prende il sopravvento anche sulle più elementari regole non scritte della nostra umanità».

Avviene a volte sulle spiagge d’agosto, dove la cronaca in un passato recente ci ha parlato di bagnanti che prendevano il sole stesi accanto al corpo di uno sventurato da poco annegato. O sulle strade delle nostre città, quando il passaggio di un fratello che ci ha preceduti e si avvia al camposanto non strappa più un segno di croce né rallenta la nostra corsa insensata.”

About Francesco Iacovone

About Francesco Iacovone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.